Ipoacusia

Per IPOACUSIA si intende una condizione patologica caratterizzata da una perdita totale o parziale dell'udito.

In base alla sede del danno che ha portato ad ipoacusia può essere classificata come:

Ipoacusia trasmissiva: il danno è avvenuto a livello dell’orecchio esterno o a livello delle strutture trasmissive dell’orecchio medio (catena ossiculare). Il deficit è solitamente pantonale, benché sia solitamente più accentuato per le frequenze medio-gravi

Ipoacusia neurosensoriale: il danno è localizzato a livello della coclea (ipoacusia neurosensoriale cocleare) o a livello del nervo acustico (ipoacusia neurosensoriale retrococleare. Il deficit dipende dall’entità del danno e dalla localizzazione mono o bilaterale.

Ipoacusia mista: in questi casi la causa del danno uditivo coinvolge sia l’apparato di trasmissione (orecchio esterno o medio) del suono che quello di trasduzione (coclea) o trasmissione (nervo acustico). Molti dei fenomeni infiammatori (otiti) o distrofici (otosclerosi) a carico dell’orecchio medio causano questo tipo di ipoacusia.

Ipoacusia percettiva: il danno è localizzato a livello delle vie centrali di trasmissione del segnale nervoso. In questi casi l’audiogramma può risultare normale pur con significativa alterazione delle capacità integrative.

In base all’entità dell’ipoacusia si riconoscono:

Ipoacusia lieve: tale deficit è caratterizzato da un abbassamento della soglia uditiva tra 20 e 40 dB. Essa, a parte la non audizione di suoni e rumori fievoli, non comporta nel bambino nessun problema nell'apprendimento del linguaggio.

Ipoacusie medio/lievi: deficit uditivo caratterizzato da un abbassamento della soglia uditiva che varia tra i 40 e 65 dB. Tale deficit, se diagnosticato nei primi mesi di vita di un bambino, non porta quasi nessun rischio nell'imparare il linguaggio.

Ipoacusia profonda: tale deficit si attesta con perdite uditive che variano dai 65 agli 85 dB. Come nella sordità, se essa si manifesta in età preverbale, l'apprendimento del parlato risulta essere molto precario.

Sordità: deficit superiore agli 85 dB(decibel), con compromissione dell’acquisizione del linguaggio nell’età infantile e handicap sociale nell’età adulta.

Inoltre è possibile distinguere

• Anacusia: perdita completa unilaterale dell’udito

• Cofosi: perdita completa bilaterale dell’udito

Sintomi dell'ipoacusia

Ipoacusia

I sintomi più comuni presenti nel paziente che accusa la perdita o l'abbassamento della capacità uditiva sono:

● Necessità di farsi ripetere le frasi o le parole

● Avere difficoltà a partecipare attivamente ad una conversazione

● Alzare il tono della voce per farsi sentire meglio

● Non comprendere bene le parole in un ambiente rumoroso

● Alzare il volume della televisione o della radio.

Cause dell'ipoacusia

L'abbassamento dell'udito è dovuto da diversi fattori:

  • Ipoacusia indotta dall'età (Presbiacusia)
  • La perdita uditiva è causata dall'avanzare dell'età che inizia ad essere avvertita dai 60 anni in poi;
  • Ipoacusia indotta dal rumore
  • L'esposizione eccessiva al rumore sia sul lavoro che fuori può essere una causa dell'ipoacusia;
  • Ipoacusia ereditaria
  • La perdita uditiva ereditaria può esistere fin dalla nascita,oppure svilupparsi successivamente nel corso della vita;
  • Ototossicità
  • Alcuni tipi di farmaci possono essere dannosi per la funzionalità uditiva;
  • Infezioni
  • Alcune malattie infettive come la meningite,il morbillo,gli orecchioni o la pertosse possono provocare diversi gradi d'ipoacusia;
  • Otosclerosi
  • Si tratta di una malattia dell'orecchio piuttosto rara che consiste in una crescita microscopica anomala di osso nelle pareti dell'orecchio interno provocando l'ipoacusia.
  • Alcool e fumo
  • Anch'essi possono provocare danni all'udito.
  • Se vi è capitato di notare uno di questi sintomi, o uno simile, è consigliabile effettuare un test dell’udito. Gli audioprotesisti dell' UDITECNICA sono a vostra completa disposizione.

LA DIAGNOSI

L’esame audiometrico è il mezzo per valutare la reale capacità uditiva. Esso si può effettuare in totale sicurezza e tranquillità. Permette di valutare prima possibile un eventuale problema di udito. Se viene indicato l’uso degli apparecchi acustici, l’Audioprotesista è l’esperto che può indicare il modello più adatto al tipo di ipoacusia.

Share by: